Tutti paesi
Neve, traffico caos nella capitale
Tutte le sezioni
All.BizItaliaNotizieTrasportoNeve, traffico caos nella capitale "Stato d'allarme", chiusi uffici e scuole

Neve, traffico caos nella capitale "Stato d'allarme", chiusi uffici e scuole

14 Feb 2012 13:20 | Trasporto

Roma imbiancata e in tilt: incidenti, bus fermi, colonne di auto in centro. A Nord, chiusa la Cassia bis Veientana dal Gra al chilometro 13. Circolazione ferroviaria ridotta 'dai piani neve'. Alemanno: muovetevi solo lo stretto indispensabile. Dichiarato lo stato d'allerta, ma nonostante i piani antineve restano fino a sera fortissimi disagi. Incidenti, allagamenti, strade chiuse e varchi Ztl disattivati. E in via Faenza c'è chi approfitta per fare una rapina. Incubo sul treno per Viterbo, bloccato per oltre 5 ore a Cesano

L'emergenza. Mezza Roma sotto la neve. Il centro della città in tilt. Pochi vigili sulle strade che si sono trasformate in trappole, e autobus scomparsi. Una settantina di alberi caduti che hanno contribuito alla paralisi del traffico, ma anche auto senza catene e camion di traverso. Dal centro storico al quartiere Nomentano, da Monteverde fino alla periferia la capitale è un gigantesco ingorgo. La protezione civile del Campidoglio ha diffuso lo stato di allarme a tutte le strutture allertate per l'emergenza neve. Il Campidoglio ha disposto la chiusura di uffici e scuole con decorrenza immediata.

Ma in serata la situazione è peggiorata: la Tangenziale Est è bloccata e il Grande Raccordo anulare congestionato. Auto sono incolonnate sulla Tangenziale in direzione Olimpico. Alcuni automobilisti hanno spento i motori e sono scesi attendendo mezzi di soccorso e indicazioni. Chiuse le rampe di accesso a Castrense in direzione Foro Italico, per provare a decongestionare il traffico causato dalla neve. Disagi anche sul Gra per intasamenti nei pressi dello svincolo per via Cassia e per l' Aurelia. Il blocco di queste due importanti snodi per il traffico capitolino crea ripercussioni pesanti in tutto il resto della città.

La mattina. In mattinata la neve si era mischiata alla pioggia non riuscendo ad attecchire in terra; ma dopo qualche ora ha iniziato a fioccare in modo intenso. Prima la zona Nord Est a cominciare dalla Cassia, poi
Monte Mario, poi gli altri quartieri del centro sono stati messi in ginocchio dala neve, in un meccanismo a
catena. Secondo le previsioni, nella zona più a nord della città si sono depositati circa 50 centimetri. E gli esperti prevedono che continuerà a fioccare fino a domani.

L'allerta. In tarda mattinata il prefetto Giuseppe Pecoraro ha deciso la chiusura degli uffici pubblici, tra questi i ministeri e scuole, dalle 14 fino a a tutta la giornata di domani per "le avverse condizioni atmosferiche che si prevedono in miglioramento solo a partire da domenica". Dovranno essere comunque garantiti i servizi d'emergenza. Pecoraro ha anche deciso il rinvio della partita Roma-Inter, precedentemente prevista per sabato alle 15, a domenica alla stessa ora.

Per ridurre i disagi il sindaco, Gianni Alemanno, aveva già sospeso l'attività didattica nelle scuole. Poi la raccomandazione: "Evitare movimenti inutili, rimanere in casa o in luoghi chiusi se non è indispensabile spostarsi". E l'istituzione di un numero verde - 800 854 854 - della Protezione civile. Ma in città si erano già verificati i primi incidenti e allagamenti (qualcuno aveva anche approfittato del maltempo per mettere a segno una rapina sotto la neve: è successo in via Faenza nella banca Popolare dell'Emilia Romagna).

Fonte:  La Repubblica

Notizie della rubrica: Trasporto

Confronta0
ClearIl numero delle posizioni scelte/selezionate: 0