Tutti paesi
Borse in rosso in Europa  Vola lo spread Btp/bund — Notizie e foto su AllBiz Italia
Tutte le sezioni
All.BizItaliaNotizieEconomiaBorse in rosso in Europa Vola lo spread Btp/bund

Borse in rosso in Europa Vola lo spread Btp/bund

22 Mar 2012 10:19 | Economia

I listini del vecchio continente risentono delle stime contenute nell'indice Pmi di Hsbc sulla seconda economia mondiale. Milano maglia nera in Europa, appesantita dai bancari. Tokyo chiude in rialzo comunque dello 0,40%. In lieve flessione il prezzo del petrolio

Il tasso di cambio dollaro-yen a Tokyo

MILANO - I nuovi segnali di rallentamento della crescita cinese pesano sui mercati e rendono incerto l'andamento dei principali indici europei. A Milano, dove quattro dei cinque titoli peggiori della seduta sono bancari e gli scambi sembrano risentire del difficile clima politico, il Ftse-Mib viaggia in flessione dell'1,2% mentre Londra perde lo 0,4%, Francoforte lo 0,3% e Parigi lo 0,6%.

Sul fronte obbligazionario il differenziale tra il Bund tedesco e i Btp italiani a 10 anni torna a schizzare verso l'alto a 316 punti dopo che ieri aveva sfondato al rialzo quota 300 punti chiudendo a 302.

La Borsa di Tokyo ha chiuso gli scambi in rialzo dello 0,40%, superando nel finale il disappunto degli investitori sui timori del rallentamento dell'economia cinese. Merito dei dati su esportazioni e surplus commerciale, risultati migliori delle attese. Il Nikkei, volatile per tutta la seduta, si attesta a quota 10.127,08, in progresso di 40,59 punti, malgrado l'indice Pmi in Cina, diffuso da Hsbc nella rilevazione preliminare, abbia avuto a marzo una contrazione a 48,1 (-1,5 punti rispetto a febbraio), indicando il possibile quinto mese di contrazione consecutivo e sollevando preoccupazioni sul rallentamento del passo da parte dell'economia di Pechino. Altrove in Asia Hong Kong ha guadagnato lo 0,22%, mentre Shanghai ha chiuso in ribasso dello 0,10% e Seul ha perso lo 0,05%.

Sul fronte macro sono attesi una raffica di dati europei (Pmi, ordini industriali e fiducia dei consumatori) e
nel pomeriggio dagli Usa le richieste iniziali di sussidi di
disoccupazione per la settimana conclusa il 17 marzo (alle 13.30 in Italia, precedente: -14.000 unità, consensus: +4.000 unità); il superindice economia per febbraio alle 15 in Italia, precedente: +0,4%, consensus: +0,6%); l'Indice prezzi delle case per gennaio alle 15 in Italia, precedente: +0,7%, consensus: +0,3%).

Euro in rialzo. La moneta unica è scambiata a 1,3251 dollari contro 1,3107 della chiusura di ieri sera a Wall Street e 1,3225 registrato dalle ultime quotazioni ufficiali della Bce. Contro lo yen la divisa europea passa di mano a 110,43.

Il petrolio è in calo: il barile Wti cede lo 0,7% a 106,52 dolalri al barile, il Brent perde lo 0,4% a 123,69 dollari al barile. L'oro guadagna lo 0,4% sui mercati asiatici portandosi a 1.651,80 dollari l'oncia.

Fonte:  La Repubblica

Notizie della rubrica: Economia

Confronta0
ClearIl numero delle posizioni scelte/selezionate: 0